Dripping / Come nascono i fuochi d’artificio?

“I fuochi sono il mio ricordo più caro da bambino, quando mio padre mi portava dai nonni a Palermo per le feste. Rimanevo affascinato dall’esplosione di colore e dai giochi pirotecnici che a Milano non avevo mai visto”. Il fuoco è la vita stessa, continua Andrea, l’attimo, il ciclo che perpetuamente si ripete. La vita, come un artificio, ti stupisce e ti lascia meravigliato, è l’istante della massima estensione dell’esplosione, è dinamismo dei colori che riecheggiano sulla pelle.
Nel momento in cui vedi il suo massimo splendore il fuoco si è già spento è finito, così la vita. Nelle opere di Andrea sotto ogni fuoco c’è l’uomo, la coppia, la famiglia o il popolo, personaggi che assistono all’artificio della loro vita insieme.
Nella realizzazione del fuoco egli prepara il fondo con i colori della notte, inizia a dipingere la tela con la tecnica dello sgocciolamento, gli schizzi sono bianchi perché la luce è bianca, poi interviene con il colore e definisce le parti. Altri sono i fuochi bianchi, rossi o neri, il soggetto è il fulcro, la sua sapiente capacità di calibrare la caduta del colore sulla tela e la densità della materia, sono la palese capacità di Andrea di dominare la goccia, dall’alto definisce il centro del fuoco, costruendo goccia su goccia la sua impalpabile dimensione dal nucleo all’aurea.

Iscriviti alla nostra newsletter!
Per visualizzare e scaricare i nostri cataloghi.
iscriviti alla nostra newsletter